Giornata della memoria 2019

L’Associazione Coordinamento Solidarietà e Cooperazione di Salerno e l'Istituto Comprensivo Rita Levi-Montalcini di Salerno organizzano un percorso didattico per raccontare l’applicazione delle leggi razziali a scuola.

Leggi tutto...

Scuola Genitori

Percorso formativo laboratoriale per genitori presso l' Istituto Comprensivo Rita Levi-Montalcini di Salerno

Aprile - Giugno 2018

Brochure scuola genitori

Giornata della Memoria 2018

 In occasione della Giornata della Memoria 2018 dall'1 al 10 febbraio sarà possibile visitare la Mostra di disegni e poesie dei bambini del campo di Terezin allestita presso l'Istituto Comprensivo G. Romano di Eboli.

 

DaL 19 gennaio, presso l'Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini di Salerno è allestita la mostra "A scuola con il duce. L'istruzione primaria nel ventennio fascista".

La mostra ripercorre le tappe e i momenti più significativi della scuola elementare fascista attraverso pannelli riproducenti illustrazioni a colori, fotografie e testi ripresi dai manuali scolastici e dai quaderni degli scolari di allora.

 

Le immagini testimoniano il percorso di progressiva fascistizzazione delle giovani generazioni attraverso la scuola, percorso che con i decreti del 1938 ha portato all'esclusione di insegnanti e alunni ebrei dalle scuole pubbliche italiane di qualsiasi ordine e grado.

Qui non ho visto nessuna farfalla

Materiali per una Didattica della Memoria

In questa sezione vengono presentati materiali per l’approfondimento didattico  relativi ai più significativi nuclei tematici che contraddistinguevano la vita nei campi di concentramento: La discriminazione, La lingua sconosciuta, I comandi, La divisa,  La fame, La solidarietà. Leattività sono state ideate da Daniele Novara; le testimonianze, le letture e gli spunti di riflessione sono stati redatti a cura dell’Associazione “Coordinamento Solidarietà e Cooperazione” di Salerno.

Si tratta di proposte che ogni insegnante potrà utilizzare liberamente per approfondire il tema della deportazione e di  tutte le possibili attualizzazioni.

Sono materiali scelti tenendo conto  delle domande che gli alunni possono formulare  in merito a vicende storiche di tale complessità e vicini il più possibile alla loro sensibilità.

La sezione si conclude con indicazioni bibliografiche, filmografiche e riferimenti ai principali siti di consultazione.

 

LA   DISCRIMINAZIONE

………………………………………………..

 

LA LINGUA SCONOSCIUTA

Testimonianze

Natalia Tedeschi  Testimonianza dal lager

Siamo arrivate di notte e siamo state nei vagoni fino al mattino dopo. Quando poi hanno aperto il portellone del carro bestiame, da cui siamo scese, tutti questi ordini in tedesco, che non si capivano. Abbiamo solo capito che dovevamo lasciare lì tutti i nostri bagagli, perché qualcuno, forse qualche interprete o qualcuno dei prigionieri che sapeva il tedesco, aveva capito che le nostre cose ci sarebbero poi state restituite in un secondo tempo. E noi, anche lì, ci abbiamo creduto. E poi hanno diviso immediatamente le persone giovani, le persone meno giovani, gli uomini dalle donne, selezionando quelli che potevano entrare in campo o meno. Io ero sotto braccio a mia mamma... La mia mamma, che non aveva ancora 50 anni, ne aveva 49, mi è stata proprio strappata via dal braccio, è una sensazione che provo ancora adesso... Sento questo braccio che trema, che mi viene portato via... Io sono andata nel gruppo di quelle che entravano in campo e mia mamma, senza che io me ne rendessi conto, è stata divisa.

 

Fonte: Natalia Tedeschi , Testimonianza dal lager , www.testimonianzedallage.rai.it

Isabella Leitner  Frammenti di Isabella

 Probabilmente non saprò mai cosa mi spinse ad annotare queste parole, in effetti a scrivere questo intero resoconto nella mia lingua nativa, l’ungherese, quasi subito dopo il mio arrivo in questo paese, nel 1945. Quel che feci – e dopo così tanti anni – sono felice di averlo fatto.

C’è una lingua inglese, una francese. Una russa, anche una spagnola. C’è una lingua ungherese, una cinese. Secondo la Bibbia, Dio punì l’umanità a Babele con una follia di lingue, ma c’è una lingua che neanche Dio riesce a capire, solo noi possiamo, quelli di noi che furono prigionieri all’ombra dei crematori. Il suo nome è lingua del Lager, e ogni parola vuol dire un modo diverso di soffrire. Blockälteste vuol dire capo di mille prigionieri. Vertreterin, la sua sostituta. Stubendienst, capo di un gruppo più piccolo;  Stubendienstkapo, capo delle Stubendienste. Ma in realtà Blockälteste voleva dire grida animalesche e percosse ancora più feroci; Vertreterin voleva dire inginocchiarsi; Stubendienstkapo, picchiare; Torwache prendere a calci; Zahlappell voleva dire stare sull’attenti per ore, nella pioggia, nel fango, nel gelo, spesso con la febbre alta. Se ti muovevi, non riconoscevi la tua faccia per i ceffoni del Lagerkapo, per i calci dell’Arbeitdienst. Un Plus significava che potevano portare tua sorella in un altro Block. Mengele avrebbe selezionato lì nel pomeriggio. Cerchi tua sorella, ma lei è già su nel fumo, nel Kremchy. (Questa è l’ironia, a proposito, “il Kremchy”). Il Sonderkommando vuol dire che sono terribilmente stanchi di bruciare la gente. Sarebbero felici se oggi venisse fatto più Transport, hanno dovuto bruciarne diverse migliaia da questa mattina. Un Musulmann voleva dire che pesi solo all’incirca 23 chili e che entro il pomeriggio sarai nel  Grese, che andresti al Krematorium piuttosto che capitarle tra le mani. H.K.B. significa che trascini i morti da un campo all’altro e che allora puoi avere una possibilità di organizzare, il cui significato è la possibilità di rubare. Lux è un cane che ti ha staccato pezzi del corpo, ma sei ancora viva. Wurstappell vuol dire che stai in fila per ore e poi ricevi una fetta di salame sottile come la carta. (Era salame? Vero salame? Non può esserlo stato). Pritsch vuol dire che quattordici di noi giacciamo su un asse di legno piena di pidocchi. Se l’asse si rompe – ed era costruita apposta per rompersi – quattordici di noi cadiamo sull’asse inferiore, e poi vent’otto di noi cadiamo sulle quattordici persone che stanno ancora più in basso. Gridano in ungherese, gridano in polacco, e in qualsiasi lingua vengono urlati gli ordini, devi capirli. Kontrolle significa che il coltello che ti sei procurata con la tua fetta di pane, lo nascondi nelle scarpe perché non hai il permesso di avere nulla tranne lo straccio che indossi. Blocksperre significa che non hai il permesso di andare al cosiddetto bagno, ma non hai neanche il permesso di farla nelle mutande e si dava il caso che tu avessi la diarrea.

Parole che non avevamo mai saputo ma che abbiamo dovuto imparare, come in America devi imparare l’inglese, in Svezia, lo svedese; nella Lagerland, il lagerese.

Queste parole non sono interessanti per un estraneo; la maggior parte sono parole comuni con origine tedesca, in qualche modo imbastardite durante il cammino. Sono significative solo perché questo numero limitato di parole è diventata una lingua. Una lingua in cui ogni parola voleva dire sofferenza, e tuttavia una lingua dalla quale dipendeva anche la tua possibilità di sopravvivere. L’unica lingua che importasse. Nessun’altra lingua aveva senso. Nessun’altra era parlata. Queste parole si sentivano di continuo. Si usavano di continuo.

 

Fonte: Isabella Leitner, “Frammenti di Isabella”, Testo redatto con l’assistenza di Ruth Zerner, Lehman College, Mursia Editore, p. 111, 112, 113

Lessico del Lager

Abstand! – State lontani!

Abtreten! – Allontanatevi!Rompete le righe!

Achtung! – Attenzione!

Alles heraus! – Tutti fuori!

Alles in die Zelte! – Tutti nelle baracche!

Antreten! – Nei ranghi!

Appell in die Zelte! – Tutti nelle baracche per l’appello!

Appellplatz – Punto di adunata

Aufpassen! – Fate attenzione!

Aufstehen! – In piedi!

Blockälteste – Detenuto capo delle baracche

Drexlerka -  Soprannome di una donna SS di grado elevato

Grese, Irma – Nome di una sadica donna SS

H.K.B. – Squadra di lavoro (Kommando) per trasportare i cadaveri

Holen – Prendere

Kanada – Un deposito di roba confiscata ai prigionieri appena arrivati

Kapo – Prigioniero al quale veniva data autorità sugli altri prigionieri.

Knien – Inginocchiarsi

Kontrolle – Controllo

 

Lager – Campo

Lageralteste – Detenuto più autorevole del campo

Lagerfuhrerin – Comandante donna del campo

Lagerpolizei – Polizia del campo

Los! – Avanti!

Meldung – Messaggio, annuncio

Musulmann – Prigioniero totalmente emaciato, scheletrito ( pronto per il forno crematorio)

OberkapoKapo superiore

Obersari – Soprannome dell’alta SS Oberscharfuhrer

Oberscharfuhrer – Ufficiale superiore

Organisation; Organizacio – Organizzare; procurarsi ( “rubare”)

Pass amol auf! – Fai attenzione! ( Un ammonimento)

Pritsch – Tavolaccio

Ruhe! – Silenzio!

Ruhetreten! – Riposo!

Schutzhaftling – Prigioniero

Selekcio, Selekcja, Selektion, Szelektàl – Selezione di prigionieri per la vita o la morte

Sonderkommando – Squadra speciale ( addetta a bruciare la gente)

Spokoj ma byc – un ordine polacco per il silenzio

Strafe – Punizione

Strafkommando – Squadra punitiva

Tattoo – Tatuaggio

Torwache – Guardia dell’entrata

Wurstappell – Appello per la salsiccia

Zahlappell – Appello

Zelte – Baracche

Ziegel – Mattone

Per riflettere insieme

 

a) Racconta una situazione in cui era molto importante capire, ma non avevi la necessaria padronanza della lingua.

b) Ti è mai capitato di dover comunicare con qualcuno che non parlava la tua lingua?

    Quali sensazioni hai provato? Quali strategie hai messo in atto per farti capire?

 

 

 

Pubblicazioni

Consumo critico e buone pratiche

ConsumoCritico Cover

Anno di pubblicazione: 2010

Qui non ho visto nessuna farfalla

disegnofarfallasfondo

Materiali per una didattica della memoria

Anno di pubblicazione: 2006

Leggi tutto...

Educazione interculturale

Educazione Interculturale

Dal rispetto delle diversità all'arricchimento reciproco

Anno di pubblicazione: 2001

Leggi tutto...