Giornata della Memoria 2018

 In occasione della Giornata della Memoria 2018 dall'1 al 10 febbraio sarà possibile visitare la Mostra di disegni e poesie dei bambini del campo di Terezin allestita presso l'Istituto Comprensivo G. Romano di Eboli.

 

DaL 19 gennaio, presso l'Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini di Salerno è allestita la mostra "A scuola con il duce. L'istruzione primaria nel ventennio fascista".

La mostra ripercorre le tappe e i momenti più significativi della scuola elementare fascista attraverso pannelli riproducenti illustrazioni a colori, fotografie e testi ripresi dai manuali scolastici e dai quaderni degli scolari di allora.

 

Le immagini testimoniano il percorso di progressiva fascistizzazione delle giovani generazioni attraverso la scuola, percorso che con i decreti del 1938 ha portato all'esclusione di insegnanti e alunni ebrei dalle scuole pubbliche italiane di qualsiasi ordine e grado.

Qui non ho visto nessuna farfalla

disegnofarfallasfondo

Materiali per una didattica della memoria

Anno di pubblicazione: 2006

 

 

La pubblicazione completa è in dotazione alla mostra e viene consegnata ai docenti accompagnatori.

Seguono alcuni stralci dell'opuscolo la cui versione completa può essere inviata su richiesta.

L'attività proposta a titolo esemplificativo "Il potere delle parole" va ovviamente  inserita in un contesto più ampio di attività e approfondimenti.

 

pdf-icon-transparent-background2 Scarica il file in formato PDF

 

QUI NON HO VISTO NESSUNA FARFALLA

Materiali per una didattica della memoria

 “Ciò che vivo interiormente, e che non è esclusivamente mio, non ho il diritto di tenerlo solo per me. In questo piccolo frammento di storia dell’umanità, io sono forse uno dei numerosi ripetitori che deve poi trasmettere su una distanza più lunga.”

Etty Illesum, “Diario 1941-43

 

Dalla memoria al progetto: educare per crescere

La memoria è esperienza, vissuti che attraversano le generazioni lasciando segni che non scompaiono ma si raccolgono per ulteriori passaggi.

L’apprendimento dalla memoria risulta efficace quando è organizzato in modo da sintonizzarsi con le risorse interne della persona, favorendo nuove connessioni e nuove conoscenze.

Da queste premesse nasce la mostra interattiva Qui non ho visto nessuna farfalla – Quadri di memoria, un originale percorso dentro la tragedia della deportazione nei campi di sterminio nazisti, rivolta ai ragazzi e alle ragazze dai 12 ai 16 anni.

Con la consapevolezza che ciò che è avvenuto non risulta né totalmente dicibile né totalmente comunicabile, l’itinerario si propone di liberare l’orrore dalla necessità della verosimiglianza, per spostarsi sul territorio dell’evocazione narrativa, che consente l’empatia senza cadere nel senso d’impotenza tipico di quando le informazioni sovrastano la soglia di tolleranza emotiva e cognitiva.

 

Daniele Novara

Responsabile pedagogico della mostra

 

Pubblicazioni

Consumo critico e buone pratiche

ConsumoCritico Cover

Anno di pubblicazione: 2010

Qui non ho visto nessuna farfalla

disegnofarfallasfondo

Materiali per una didattica della memoria

Anno di pubblicazione: 2006

Leggi tutto...

Educazione interculturale

Educazione Interculturale

Dal rispetto delle diversità all'arricchimento reciproco

Anno di pubblicazione: 2001

Leggi tutto...